Capodanno a Firenze


In questa giornata uggiosa mando la mente indietro nel tempo in cerca di ricordi piacevoli e ne approfitto per raccontarvi come ho trascorso il mio #Capodanno2017.

Tra tanti impegni ed indecisioni iniziali, ho deciso di recarmi a Firenze, città a me cara.

Il freddo si è fatto sentire, ma il sole mi ha accompagnato in questa bellissima esperienza ed ho avuto il piacere di visitare la città in tutte le sue sfumature; dai negozi più fashion del centro, ai musei gratuiti della domenica, agli eventi della notte di capodanno tenuti nelle più famose piazze e tanto altro ancora.


Ho alloggiato nel lussuoso Hotel “Sina- Villa medici” situato in via II Prato, in una posizione strategica, vicino sia al centro che alla stazione di Santa Maria Novella. L’hotel ha una facciata imponente e all’interno ospita del personale gentile che mi ha accolto calorosamente al mio arrivo, le stanze sono ampie, luminose, con balcone che affaccia sul verde del cortile con piscina, tv a schermo piatto, un letto comodissimo.
Ancora ricordo la hall dell’ hotel addobbata a festa con un enorme albero di Natale e un profumo avvolgente che mi facevano sentire a casa, ma la parte che mi ha emozionato di più è stata la terrazza all’ultimo piano che offriva uno scorcio unico della bellissima Firenze.


Per il pranzo mi sono recato a piazza Strozzi e ho degustato degli ottimi piatti presso “Colle Bereto” locale di tendenza tra i ragazzi del posto dove ero già stato ospite in vista di alcuni eventi di Pitti Uomo,
Per digerire un lunga passeggiata tra i negozi del centro.

Gli eventi serali della notte di capodanno erano sei, molto ben organizzati e tenui nelle più belle piazze della capitale toscana. Io sono andato a Piazzale Michelangelo in cui era previsto il concerto di Marco Mengoni, la serata è stata lunga, fredda, ma ne è valsa sicuramente la pena, sia per la gradevole musica che ci avvolgeva, sia per la spettacolare veduta della città illuminata di notte da miliardi di luci e colori tipici del luogo.

Il giorno successivo ho voluto visitare vari musei e chiese come “Galleria degli Uffizi”, la chiesa di “Santa Maria Novella”, un passaggio immancabile fuori “Santa Maria del Fiore”, dopodiché per il pranzo ho avuto la fortuna di passare fuori il Mercato di Firenze e all’interno vi garantisco che è molto tipico e suggestivo. Ogni angolo ospitava dei sapori diversi che rappresentavano le varie regioni d’Italia; dalla pizza alla pasta, dalla carne al pesce, ce n’era per tutti i gusti.

Dopo dei giorni del genere, ho ripreso a malincuore il treno per tornare a casa, ma la mia famiglia e i miei mille impegni mi aspettavano di nuovo , sono ritornato molto più carico di prima e appena ho avuto due minuti di tempo libero ho voluto raccontarvi questa fantastica esperienza.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *