Messico: 10 giorni a Playa del Carmen


Perchè ho deciso di andare a Playa del Carmen a Febbraio?

Nel lontano settembre 2019 ho iniziato a pensare ad uno dei viaggi su misura per me. Volevo il caldo, il mare, ma allo stesso tempo avevo fame di scoperte e di avventura. Nessun posto sarebbe stato migliore del Messico.

Ho iniziato pian piano ad informarmi e poi a Febbraio 2020 sono partito da Roma Fiumicino, destinazione Cancun.

Il Coronavirus era alle porte, ma noi ancora non lo sapevamo, mi
ricordo che erano i primi tempi in cui si iniziava a respirare che
qualcosa stava per accadere, ma le precauzioni non erano rigide come
ora. In aeroporto nessuno ancora indossava la famosa mascherina,
eppure in Cina l’allarme era già forte.

Sono partito il 2 Febbraio e se avessi saputo che questo sarebbe
stato l’ultimo viaggio prima della nostra quarantena forzata forse
l’avrei assaporato in modo diverso, eppure il Messico lo ricordo lo
stesso come un Paradiso sul Pianeta Terra.

Cinquanta minuti dall’aeroporto di Cancun a Playa del Carmen e i 30 gradi iniziavano già a farsi sentire, le dodici ore di aereo sono trascorse abbastanza velocemente tra musica e parole crociate. Non avevo mai viaggiato con la compagnia NEOS prima d’ora eppure devo dire che mi sono trovato molto bene.

Il mio alloggio distava veramente poco dal centro di Playa del Carmen
eppure affacciava sul Mar dei Caraibi, premetto che il mare era
bellissimo e non c’erano alghe, solo che spesso si alzava del vento
leggero. D’altronde Febbraio fa parte del periodo invernale, non
potevamo aspettarci l’afa tipica dell’estate.

Sulla linea dell’orizzonte si poteva ammirare l’isola di Cozumel,
tappa fissa delle navi da crociera. Raggiungibile in soli 50 minuti
dal porto di Playa del Carmen.

SITI ARCHEOLOGICI FACILMENTE RAGGIUNGIBILI DA
PLAYA DEL CARMEN

Playa del Carmen è un posto eccezionale per qualsiasi tipo di
viaggiatore perché da lì con un piccolo sforzo è possibile
raggiungere qualsiasi meta del Messico.

Se, come me, amate i siti archeologici non potete evitare di recarvi
nella regione dello Yucatan per ammirare una delle sette meraviglie
del mondo moderno.

La piramide di Chichén Itzá vi aspetterà in tutta la sua bellezza, dichiarata Patrimonio dell’UNESCO dal 1988.

Altri siti archeologici meritevoli
di una visita sono le rovine Maya di Tulum, uniche piramidi
affacciate direttamente sul mare. Il
fascino di Tulum è dato anche dalle sue spiagge di sabbia finissima,
tipiche della costa caraibica e dai suoi colori cristallini. Unica
raccomandazione che concerne questo posto meraviglioso sono le
iguane, tipici rettili che popolano la zona, presenti in questo sito
in numero molto elevato.

Ultimo posto meraviglioso di cui
vorrei parlarvi e mostrarvi delle foto uniche è proprio il sito
archeologico di Cobà dove sorge l’unica piramide ancora
calpestabile, alta 42 metri dalla cui vetta è possibile ammirare un
panorama speciale che solo il Messico è in grado di regalare.

COSA FARE A
PLAYA DEL CARMEN

Playa del Carmen è anche famosa
per il divertimento di giovani ed adulti. Nel centro della città è
pieno di negozi in stile americano dove è possibile fare shopping e
comprare souvenir di tutti i tipi. I locali dove mangiare sono aperti
fino a tarda notte e il divertimento dopo cena è assicurato tra
danze popolari e famose discoteche latino americane.

La discoteca più famosa del
Messico è il Coco Bongo, dove è stato girato anche il fiml di “The
Mask”. All’interno è possibile ballare, bere dell’ottima
Tequila ed ammirare incantevoli spettacoli che riguardano vari temi e
generi musicali accompagnati da bravissimi acrobati e ballerini che
cattureranno la vostra attenzione in modo unico. Il prezzo è un po’
alto, ma posso assicurare che ne varrà la pena.

Per gli amanti dello snorkeling è
consigliato di visitare la spiaggia di Akumal, conosciuta anche come
la SPIAGGIA DELLE TARTARUGHE.

Impossibile andare in Messico e non
fare almeno un bagno all’interno del Cenote. Stiamo parlando di una
grotta con presenza di acqua dolce, simile ad un piccolo lago
circolare o laguna.

COSA MANGIARE
IN MESSICO

Nota super positiva del Messico: il
cibo.

Il cibo è davvero molto buono e ci
sono varie pietanze assolutamente da assaporare. Spesso il cibo
tipico è piccante, quindi il mio consiglio è quello di specificare
all’interno dei locali il vostro gusto in tema di peperoncino.
Detto ciò, ci sono anche piatti tipici che non sono affatto
piccanti.

L’ingrediente più usato nella
cucina messicana è proprio il mais, da cui prendono vita le
tortillas, che cambiano nome in base alla loro forma o al loro
utilizzo.  Si
chiamano burritos
se sono ripiene e arrotolate; diventano quesadillas se
sono fritte e farcite con formaggio;  diventano echiladas se
sono condite con salsa chili; oppure prendono il nome di nachos se
sono tagliate a triangoli e fritte.

Una salsa messicana famosa in tutto
il mondo è proprio il Guacamole, dal colore verde che si ricava
attraverso l’avocado, il lime, il coriandolo, la cipolla ed un
pizzico di peperoncino. 

Il pesce che consiglio di mangiare
in Messico è soprattutto l’aragosta, veramente molto diffusa ed
economica rispetto ai prezzi a cui siamo abituati noi europei.

Le bevande messicane assolutamente
da provare sono Margheritas, Tequila e un liquore tipico chiamato
Mezcal.

COME
SPOSTARSI IN MESSICO

Il Messico è bello, ma non è un
posto sicuro da girare a piedi da soli. O meglio se decidete di fare
un viaggio on the road è possibile farlo, ma bisogna andare
attrezzati per questo tipo di viaggio. Se, come me, siete dei
semplici turisti che viaggiano per scoprire, ma amano le comodità vi
consiglio di prenotare le escursioni dal vostro hotel o da guide
riconosciute. I taxi sono sicuri, ma non uscite dal centro e non
addentratevi nelle vie adiacenti il centro da soli. L’esercito è
presente per strada, ma non ovunque.

La verità è che il Messico è
davvero bello e meritevole di una visita almeno una volta nella vita,
ma allo stesso tempo c’è molta povertà e delinquenza.

Il 35% della popolazione è analfabeta e la maggior parte delle persone vivono ancora in case o palafitte ricoperte di paglia.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *